Home Archivio Il leverage crowdfunding, una nuova soluzione per finanziare piccole iniziative

Il leverage crowdfunding, una nuova soluzione per finanziare piccole iniziative

446
SHARE

Le piattaforme di crowfunding, tra le quali friendsfunding.it, operano prevalentemente con la modalità reward crowdfunding che consiste nella raccolta di risorse finanziarie a fronte di un riconoscimento.

Il reward crowdfunding prevede una modalità di ricompensa variabile a seconda della dimensione e della tipologia del progetto, il proponente che presenta un progetto e lancia una richiesta di adesione, si impegna, in genere, ad offrire un riconoscimento, talvolta di valore anche simbolico, preferibilmente connesso alle finalità o al tema dell’iniziativa.

Il valore è proporzionato all’entità della donazione ed è molto spesso immateriale, il crowdfunders potrà ricevere nelle fasi di lancio e divulgazione del progetto una menzione, un ringraziamento, talvolta personalizzato, o oggetti a tema con l’iniziativa.

Il rapporto giuridico si riferisce alla disciplina della donazione modale ed è regolato dall’art. 793 del C.C. L’onere della ricompensa è una responsabilità esclusiva di colui che riceve la donazione, ogni eventuale inadempimento da parte di costui dà diritto al crowdfunder di revocare la donazione effettuata e richiedere il rimborso.

Il reward crowdfunding può essere talvolta accompagnato dal pre-selling con il quale si presentano, in anteprima, servizi o prodotti da immettere sul mercato. I backers, con la donazione, maturano il diritto a ricevere, in anteprima e a condizioni di favore, l’output del progetto.

La vendita anticipata di servizi o prodotti è una forma di compravendita e come tale rientra nella normativa sull’e-commerce e sulle relative tutele previste nei confronti dell’acquirente a distanza.

Il revenue sharing crowdfunding è una forma di associazione in partecipazione, disciplinata dagli artt. 2549 e seguenti del C.C., che prevede la partecipazione agli utili di un progetto. Il riconoscimento, di natura finanziaria, può essere commisurato ad una quota degli utili da riconoscere al verificarsi delle condizioni previste nella proposta.

Nell’ambito della sperimentazione eseguita nel corso degli ultimi mesi, abbiamo messo a punto un nostro modello di rating dei programmi a sfondo creativo, basato su dati qualitativi e sulle impressioni di esperti del settore, di volta in volta coinvolti. L’adozione di una procedura valutativa definita in modo specifico per iniziative di piccole dimensioni (fabbisogno inferiore ai 10 Keu) è basata sul riscontro di requisiti soggettivi, rilevati con analisi face to face riducendo al minimo gli adempimenti desk, e consente, inoltre, di effettuare piccoli finanziamenti, purché adeguatamente garantiti.

Il tranched friends funding (TFF) è una forma leverage crowdfunding, con il quale si conciliano le opportunità offerte dal crowdfunding con il meccanismo di ponderazione delle garanzie previste dalle tranched cover. In pratica, mentre con il crowdfunding le somme elargite a titolo di scopo generano provvista senza leva (1 euro vale 1 euro) trasformando la donazione in un collaterale da offrire a finanziatori interessati a supportare portafogli di micro-iniziative, con il TFF, invece, è possibile generare un moltiplicatore variabile in base al rating dei progetti, facendo sì che 1 euro valga da un minimo di 2 euro ad un massimo di 5 euro.

Il donator si trasforma in guarantee, pertanto non trasferisce a titolo definitivo la propria disponibilità, ma autorizza il finanziatore ad iscrivere un pegno sul collaterale, a fronte del quale verrà erogata la provvista necessaria. Il donator, inoltre, può intervenire in un progetto alla volta; invece, mettendo a disposizione una garanzia, di fatto promuove tutti i progetti rientranti nel portafoglio.

Con la tranciatura del portafoglio e la garanzia senior, coperta da diritti sui beni materiali ed immateriali oggetto dell’erogazione, il finanziatore ottiene un capital relief pressoché totale.

La struttura dell’operazione, oltre ad un innovativo strumento di rating, prevede anche una forma di tutoraggio diversa da quella prevista dal microcredito. Il tutor nel TFF (Converter) è un operatore esperto, già attivo nel mercato di riferimento, che svolge un’attività di supporto nella fase di lancio oltre che di monitoraggio lungo il piano di ammortamento. Il Converter segnala al finanziatore ogni evento positivo (es. erogazione di nuova finanza) o pregiudizievole della qualità del credito. Il rapporto, più che di tutoring, è di “adozione”, in quanto il proponente per poter ottenere l‘esito positivo della delibera ed entrare a far parte del portafoglio di finanziamenti, deve ottenere l’endorsement di un operatore sinergico che, oltre a sponsorizzare l’iniziativa, indica – senza alcuna partecipazione al rischio- le ragioni del successo e le eventuali forme di collaborazione.

 

Questo nuovo strumento rappresenta un’evoluzione del reward crowdfunding, in quanto prevede comunque un riconoscimento per coloro che consentono di far partire progetti, estendendoli a tutte le iniziative previste nel portafoglio ed evitando di far perdere ogni diritto da parte del guarantee per le somme messe a disposizione; differisce, inoltre, dal microcredito in quanto, in caso di perdite complessive rilevate nel portafoglio (inferiori alla tranche junior) i guarantee rientrano in possesso del collaterale residuo.