Home Archivio “Forget Heritage” un programma per l’impiego sociale di immobili abbandonati

“Forget Heritage” un programma per l’impiego sociale di immobili abbandonati

334
SHARE
“Forget Heritage” è un’iniziativa che si occupa del miglioramento delle capacità di impiego, in ambito pubblico e privato, di risorse culturali “materiali”non utilizzate presenti in: Italia, Slovenia, Germania, Polonia, Croazia e Repubblica Ceca.
La maggior parte delle Città presenti nei suindicati paesi sono caratterizzate dalla presenza di edifici storici come ex fabbriche, ospedali, scuole, caserme che pur avendo segnato la storia di importanti comunità locali, ora versano uno stato di abbandono. Immobili che rappresentano, tra l’altro, un onere per gli Enti pubblici proprietari, chiamati a metterli in sicurezza, evitare che vengano utilizzati in modo abusivo o improprio.
Questi volumi abbandonati sono dei “vuoti urbani” che creano un impatto negativo sulle aree circostanti non solo estetico ma anche reputazionale in quanto testimoniano l’incapacità o la mancanza di volontà di trovare soluzioni alternative al degrado.
L’obiettivo di Forget Heritage è promuovere la cooperazione tra Città interessate a combattere questa forma di degrado e di identificare modelli di gestione e di cooperazione pubblico private, innovativi, sostenibili e replicabili.
La partnership promossa dal programma mira a fornire suggerimenti su come impiegare il potenziale inutilizzato del patrimonio culturale abbandonato ed eliminare occasioni di degrado estetico, incidendo positivamente sulla qualità della vita delle comunità e stimolando nuove opportunità per gli operatori profit e no profit in ambito creativo e culturale.
Forget Heritage ha creato un manuale di gestione e un modello di formazione transnazionale alle valutazioni ex-ante ed ex-post degli interventi, aspetto sul quale la Fondazione WIDE per l’economia creativa ha avviato da tempo una importante sperimentazione, identificando indicatori di impatto e di risultato mirati per specifiche operazioni di rigenerazione e seguirà, pertanto, direttamente gli sviluppi di questo progetto, sollecitando l’attenzione delle città campane e divulgando nella sezione News di economiacreativa.it, proprio portale, le buone prassi e gli spunti emersi nel corso dell’attuazione programma.
Si segnala sull’argomento la presenza di due importanti delibere approvate dal Comune di Napoli 
Per essere aggiornato o per presentare un progetto scrivi a Hello@economiacreativa.it
#WIDE4ForgetHeritage